Il lupo dimorerà insieme con l’agnello


Un germoglio spunterà dal tronco di Iesse,

un virgulto germoglierà dalle sue radici.

Non giudicherà secondo le apparenze

e non prenderà decisioni per sentito dire;

ma giudicherà con giustizia i miseri

e prenderà decisioni eque per gli oppressi del paese.

Il lupo dimorerà insieme con l’agnello,

la pantera si sdraierà accanto al capretto;

il vitello e il leoncello pascoleranno insieme

e un fanciullo li guiderà.

per riscattare il resto del suo popolo. ( Isaia 11 1.3-4.6 )

 

Questa mattina nel carcere di Doba sono stata testimone del compimento di queste parole. Per un momento, un breve momento, si è realizzata questa profezia durante il concerto di Natale della corale dei detenuti cattolici del carcere. Nonostante il periodo difficilissimo che stiamo vivendo qui in Ciad, dovuto ad una durissima crisi economica e sociale che influenza fortemente le condizioni dei detenuti, la gioia del Natale è entrata potentemente anche in carcere. E come dicevo, in un momento quasi magico, ci siamo ritrovati a danzare e a cantare tutti insieme: detenuti cattolici e protestanti, guardie cristiane e musulmane, catechisti, terziari e terziare francescani e giornalisti della radio. Forse è questo quello che intendeva Isaia parlando dell’avvento dell’era messianica, forse sarà questo quello che vivremo in paradiso. Noi per grazia di Dio, per un breve istante lo abbiamo già vissuto. Vi auguro di poterlo vivere anche solo per un attimo perché sono gioie che hanno il sapore del paradiso.

Buon Natale e felice anno nuovo

Sr. Antonella Messina

Suore Francescane Alcantarine   Doba Ciad